Home Page » Archivi » Domande e risposte (FAQ)
Domande e risposte (FAQ)
Immagini
Nei periodi in cui non si hanno prenotazioni, in caso di comodato gratuito a parenti/amici, deve essere corrisposta l'imposta di soggiorno?

No, trattandosi di ospitalità privata non retribuita, pertanto non configurabile come attività ricettiva, viene meno il presupposto impositivo dell'imposta di soggiorno.

Se un ospite arriva il 31 marzo e va via il 1 aprile devo considerarlo soggetto al pagamento dell' imposta di soggiorno?

Il gestore deve riscuotere dall'ospite l'imposta di soggiorno poichè ai sensi del Regolamento comunale (art. 1): "Per l'anno 2018 il presupposto impositivo dell’imposta è il soggiorno e il pernottamento in qualunque tipo di struttura ricettiva presente nel Comune di Rapallo, nel periodo dopo la mezzanotte del 31 Marzo e prima della mezzanotte del 31 ottobre"

Con riferimento all'esenzione prevista dal Regolamento Comunale, art. 4 lett. d), cosa si intende per portatore di handicap non autosufficiente?

Per portatore di handicap non autosufficiente si intende quel soggetto che non è in grado di compiere gli atti della vita quotidiana (ad es. deambulare, assumere alimenti). L'accertamento dello stato di non autosufficienza è collegato all'esistenza di patologie risultanti da certificazione medica.

Se un dipendente di una Ditta lavora in trasferta, ad esempio per un mese, nel Comune di Rapallo, arrivando il lunedì e partendo il venerdì, deve pagare l'Imposta di soggiorno?

Si, deve pagare l'imposta di soggiorno per tutti i pernottamenti di ogni settimana.
Diverso se il contratto prevede la disponibilità della camera senza interruzioni (senza soluzione di continuità), per cui il soggetto pagherà solo i primi 10 pernottamenti (ma paga alla struttura ricettiva e ha la disponibilità di pernottare tutte le notti, compreso il sabato e la domenica).
 

Ai fini di ottenere l 'agevolazione del 50% per gli ospiti che partecipano a un gruppo, party, meeting, evento, incentive, congressi con un numero di partecipanti superiore alle 15 unità quale tipo di documentazione deve essere prodotta?

Non occorre alcuna documentazione, la struttura ricettiva dovrà applicare la riduzione del 50% per ciascun partecipante indicato al momento della fatturazione al debitore, che al momento del check out pagherà il soggiorno per gli ospiti appartenenti al gruppo. Solo in questa fattispecie infatti opera la norma relativa all'agevolazione. Occorre tuttavia che, in fase di prenotazione, il Cliente/Società/Agenzia comunichi per iscritto l’ intestazione della fattura da emettere e si impegni al pagamento della stessa specificando se, oltre ai pernottamenti, salderà anche gli eventuali extras. Al momento dell’ arrivo dei partecipanti deve essere già esistente l’elenco nominativo dei partecipanti con la dichiarazione che questi saranno Ospiti della Società/Agenzia o del Cliente privato.

Ai fini di ottenere l 'agevolazione del 50% , nelle 15 persone che compongono i gruppi rientrano anche eventuali esenzione per capogruppo e/o autista?

No, il gruppo deve essere composto da almeno 15 unità senza contare eventuali persone esenti per previsione regolamentare.

Se un cliente prenota quindici notti ma a metà soggiorno va via (check out) e poi ritorna (check in), varrà il numero di notti totali usufruite?

Se il contratto prevede la disponibilità della camera “senza soluzione di continuità”, il soggetto pagherà fino ad un massimo di 10 pernottamenti.

Se un cliente prenota due notti e poi ogni giorno fa nuove prenotazioni dirette e/o non dirette fino a fermarsi 15 notti consecutive, e per ogni prenotazione check in e check out viene emessa distinta ricevuta fiscale, come viene calcolata l'imposta?

L'imposta di soggiorno è dovuta per il massimo di dieci giorni indipendentemente dai check in e check out. Solo all’ultimo check out scattano gli obblighi di comunicazione e versamento.
 

I clienti regolari siano essi leisure o business, che nell'arco del periodo di validità dell'imposta di soggiorno superano le 10 notti NON consecutive, devono sempre pagare l'imposta?

Eventuali interruzioni, anche di un solo giorno, comportano nuovamente l’applicazione dell’imposta.
 

Per i portatori di handicap, non autosufficienti, per accompagnatore si intende massimo una persona? Devono condividere la stessa camera o possono occupare due camere diverse?

La previsione regolamentare prevede un unico accompagnatore esente dal pagamento dell’imposta.
Non è necessario che l'accompagnatore debba condividere la camera con il suo assistito.
 

Se un cliente soggiorna "a cavallo" di due mesi, ad esempio dal 27/4/2018 al 02/05/2018, come si calcola l'imposta?

Nel caso ipotizzato, l'imposta dovuta per pernottamenti dal 27/4/2018 al 02/5/2018 farà carico al mese di maggio. Al cliente dovrà essere rilasciata una sola ricevuta per il pagamento dell'imposta con il dettaglio delle notti di permanenza “a cavallo“ dei due mesi, mentre il gestore riverserà al Comune l'imposta complessiva entro il 15 giugno 2018.

Nel caso una struttura ricettiva abbia incassato complessivamente a titolo d'imposta di soggiorno, per il periodo 1 aprile - 30 ottobre 2018, un importo inferiore ai 50 euro, quando deve effettuare il riversamento all'ente?

Il riversamento dovrà essere effettuato entro e non oltre il 15 novembre 2018.

Nel caso di locazione di un appartamento ad uso turistico con decorrenza antecedente l'entrata in vigore dell'imposta di soggiorno come bisogna comportarsi?

Per tutte quelle situazioni in nelle quali è stato stipulato un contratto di locazione ad uso turistico antecedentemente l'entrata in vigore dell'imposta di soggiorno la stessa verrà calcolata a partire dal primo giorno di entrata in vigore fino a 10 pernottamenti consecutivi.

I vari documenti a supporto di esenzioni o agevolazioni devono essere allegati alla fattura/ ricevuta?

Il gestore ha l'obbligo di conservare per cinque anni le quietanze e le dichiarazioni rilasciate dall'ospite per le esenzioni/riduzioni previste dall'art. 4 del Regolamento Comunale. Il Comune ha facoltà di richiedere ai soggetti passivi nonché ai gestori delle strutture ricettive atti o documenti ai fini dell'esercizio dell'attività di controllo.

Esiste un contatto da interpellare in caso di urgenze?

il contatto di riferimento è l'email dedicata impostasoggiorno@comune.rapallo.ge.it messa a disposizione alla quale potranno essere inviati quesiti circa l'applicabilità dell'imposta o qualunque altra problematica.

Quando si richiede un prepagamento, bisogna calcolare anche l'imposta di soggiorno?

Il pagamento dell'imposta di soggiorno è dovuto al momento del check out nella misura massima di dieci pernottamenti consecutivi.

Chiunque si rifiuti di pagare l'imposta di soggiorno come deve essere segnalato al Comune?

Coloro che si rifiutano di pagare l'imposta di soggiorno dovranno essere segnalati tramite l'apposita funzione presente nell'applicativo Tourist TAX messo a disposizione dall'ente.

Le prenotazioni che risultano in No show (ovvero non si presentano al check in) oppure le tardive cancellazioni avendo presenze a zero pagano l'imposta di soggiorno?

Il presupposto dell'imposta di soggiorno è il pernottamento presso la struttura ricettiva ubicata sul territorio comunale pertanto per quelle situazioni dove il soggetto che ha prenotato di fatto poi non ha soggiornato non è dovuto il pagamento.

Per tutte le situazioni di esenzione previste dal regolamento esiste una apposita modulistica per rendere la dichiarazione sostitutiva?

Per tutte le casistiche che prevedono la presentazione di dichiarazione sostitutiva, resa in base alle disposizioni di cui agli articoli n. 46 e 47 del DPR n. 445/2000 e successive modificazioni, ai fini dell'esenzione dal pagamento dell'imposta di soggiorno si potrà utilizzare il modello generico reperibile sul sito istituzionale del Comune.

Per tutte le altre situazioni che prevedono l'esenzione dal pagamento bisognerà verificare il possesso dei requisiti ivi previsti richiedendo idonea documentazione che il gestore conserverà in copia.

Nel caso di bambino che compie il quindicesimo anno di età durante il soggiorno presso la struttura come bisogna calcolare l'imposta dovuta?

Nel caso di soggetto che compie il 15° anno di età durante il soggiorno presso la struttura l'imposta di soggiorno verrà richiesta a partire da tale data.

[ pag 1] - pag 2 ->successiva

Cerca nell'archivio di FAQ

Condividi