Home Page » Aree dedicate » Tributi » IMU 2020 » ALIQUOTE 2020
ALIQUOTE 2020
Immagini

TIPOLOGIA IMMOBILI

ALIQUOTA

IMU 2020

Abitazione principale e relative pertinenze:

Per “abitazione principale” si intende l’immobile iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, nel quale il possessore e il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente).Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (box, posti auto, stalle, scuderie, rimesse ed autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte), nella misura massima di un'unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unità ad uso abitativo.

Esente

(Cat. A/1- A/8-A/9

0,55%)

Detrazione per abitazione principale (per immobile)

Euro 200,00

Abitazioni concesse in uso gratuito a parenti in linea retta fino al secondo grado o collaterale di secondo grado, a condizione che nella stessa il parente (maggiorenne) in questione stabilisca la propria residenza e che abbia in tale unità la dimora abituale (e della propria famiglia).

L’applicazione dell’aliquota ridotta è in ogni caso rapportata al periodo di residenza del parente utilizzatore. Nell'autocertificazione da presentare i contribuenti potranno indicare eventuali pertinenze cui applicare la stessa aliquota agevolata nei limiti previsti per le pertinenze dell'abitazione principale.

0,71%

Immobili concessi in locazione con contratto registrato a soggetti ivi residenti, a partire dalla data in cui il conduttore vi abbia stabilito la propria residenza anagrafica.

0,76%

Immobili concessi in locazione a soggetti residenti con contratto registrato e stipulato mediante l'Agenzia Sociale per la Casa, ai sensi degli Accordi territoriali definiti in sede locale , a partire dalla data in cui il conduttore vi abbia stabilito la propria residenza anagrafica;

0,60%

Unità immobiliare posseduta, a titolo di proprietà, o di usufrutto, da anziani o disabili già residenti nel suddetto immobile, che debbano acquisire la residenza in istituti di ricovero o sanitari all’interno della ASL 4 territorialmente competente, a seguito di ricovero permanente, a condizione che l’immobile destinato ad abitazione principale del nucleo familiare in Rapallo non risulti locata o data in comodato gratuito.

0,0%

(tranne cat.

A/1-A/8-A/9)

Unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/10, B, C1, C3 utilizzate per lo svolgimento di una attività lavorativa/istituzionale nei seguenti casi:

  • direttamente dal soggetto passivo IMU;

  • concesse dal soggetto passivo in uso gratuito a condizione che nella stessa il comodatario eserciti la propria attività lavorativa;

  • locate dal soggetto passivo per l’esercizio di tali attività ad un canone annuo non eccedente il massimo di quanto previsto dai valori di locazione di riferimento previsti dall'Osservatorio Immobiliare nell’ultimo semestre precedente l’anno d’imposta per ciascuna zona di riferimento. Nel caso il valore della zona non sia disponibile verrà presa a riferimento la media dei valori disponibili per zone contigue.

0,63%

Unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali A/10, B, C1, C3 utilizzate per lo svolgimento di una attività lavorativa/istituzionale non rientrante nelle casistiche previste per le aliquote agevolate.

0,93%

Aliquota ordinaria applicabile a tutti gli immobili per i quali non è prevista un’aliquota specifica richiamata nelle casistiche precedenti (a titolo esemplificativo aree fabbricabili, abitazioni non definibili principali).

1,06%

Aliquota applicabile ai fabbricati costruiti e destinati dall'impresa costruttrice alla vendita e non locati (previa presentazione dichiarazione di cui all’art. 2, comma 5-bis del D. L: 102/2013).

0,07%

Fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all’art. 9, comma 3-bis, del decreto-legge 30/12/1993, n. 557, convertito, con modificazioni, dalla legge 26/2/1994, n. 133;

0,01%

Unità immobiliari appartenenti alla categoria catastale D2 a condizione che dette unità immobiliari rimangano aperte per almeno 9 mesi nell’anno.

0,83%

Immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D utilizzate per lo svolgimento di una attività lavorativa/istituzionale nei seguenti casi:

  • direttamente dal soggetto passivo IMU;

  • concesse dal soggetto passivo in uso gratuito a condizione che nella stessa il comodatario eserciti la propria attività lavorativa/istituzionale;

  • locate dal soggetto passivo per l’esercizio di tali attività ad un canone annuo non eccedente il massimo di quanto previsto dai valori di locazione di riferimento previsti dall'Osservatorio Immobiliare, nell’ultimo semestre precedente l’anno d’imposta per ciascuna zona di riferimento. Nel caso il valore della zona non sia disponibile verrà presa a riferimento la media dei valori disponibili per zone contigue.

0,83%

Unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali D, purché utilizzate per lo svolgimento di un’attività lavorativa/istituzionale non rientrante nelle casistiche previste per le aliquote agevolate.

0,93%

Aliquota ordinaria applicabile alle unità immobiliari appartenenti alle categorie catastali D non utilizzate per lo svolgimento di una attività lavorativa/istituzionale.

1,06%

TERRENI AGRICOLI: Esenzione per i terreni agricoli dei Comuni che rientrano fra quelli presenti nell’elenco di cui alla circolare 14/6/93, n. 9.

esenti

Condividi